Σάββατο, 30 Ιουνίου 2018

Fernando Santos, l'ingegnere del Portogallo con l'apprendistato greco

Αποτέλεσμα εικόνας για Santos RONALDO

La sigaretta che gli pende stanca, annoiata, dalla bocca è l’immagine stessa di Fernando Santos. “Fumare mi aiuta a pensare” dice. Calmo, composto, pacato. Non si fa prendere dall’agitazione, neppure adesso che è Campione d’Europa e può contare sul calciatore più forte, forse anche il più bravo, del mondo. “Il Portogallo, così come tutte le altre squadre del mondo, dipendono dai loro giocatori migliori. Chiedete al ct dell'Uruguay, anche lui dirà che dipendono da Cavani e Suarez. Noi dovremo giocare da squadra, se Cristiano Ronaldo sarà lasciato da solo il Portogallo perderà la partita. Anche quando ha segnato 3 gol l'ha fatto grazie al lavoro della squadra”.

Lamberto Rinaldi, 30 Giugno 2018 

Fernando Santos, classe 59, inizia la sua carriera da giocatore nel 1971, nel Maritimo, per finirla appena tre anni dopo all’età di ventuno anni. Pensava infatti che il calcio non era la sua strada, si iscrisse all’Istituto Superiore di Ingegneria di Lisbona, dove conseguì un “barachelato”, titolo di studio simile alla laurea, in ingegneria elettrica e delle telecomunicazioni. Ma il pallone lo richiama a sé. Comincia ad allenare proprio nella squadra con la quale appese gli scarpini al chiodo, il Desportivo Estoril Praia,. Sono subito grandi successi e dopo la promozione in serie A si trasferisce nel 1998 al Porto. È la sua grande opportunità e Fernando Santos non la stecca. In 3 anni all’Estadio do Dragao vince campionato, due supercoppe, due coppe nazionali e guida la squadra fino ai quarti di finale di Champions League. Dal 2001 inizia il suo vagare tra Portogallo e Grecia: AEK Atene, Panathinaikos, Sporting Lisbona. “Ogni volta che ero in Portogallo qualcosa mi tirava indietro, verso la Grecia”. E allora di nuovo AEK Atene, Benfica, PAOK e nel 2010 la nazionale greca. Una panchina che scotta, un’eredità pesante.

Risultati immagini per fernando santos grecia

Perché lì sopra, fino a quel momento, c’era un certo Otto Rehhagel, il tedesco che aveva portato gli elleni sul tetto d’Europa nel 2004. Ai Mondiali del 2014, dopo aver buttato fuori la Costa d’Avorio di Drogba e Gervinho, dovette fermarsi contro la Costa Rica, ai calci di rigore. Agli Europei di Polonia, nel 2010, riuscì a centrare i quarti.

Innamorato dell’arte classica e della storia greca, “un popolo che sa combattere e rialzarsi”, tra Platone e Aristotele ha scelto Mourinho come modello, “il numero uno al mondo”. Sarà stato a passeggiare sull’acropoli di Atene, a fumare all’ombra del Partenone, sconvolto dall’atarassia che gli scorre nelle vene, quando arriva la chiamata dal suo Portogallo. La seleçao portuguesa aveva perso la prima partita per le qualificazioni ad Euro2016, con l’Albania.

Il canto delle sirene era un fado di Amalia Rodrigues, il canto del popolo portoghese, fatto di saudade e lontananza. Lo richiamava a casa, per vincere. D’altronde fado prende il nome proprio da fatum, destino. Oggi, mentre fuma la sua ennesima cicca, la canzone che gli passa per la testa è semplice: “massimo rispetto per l’Uruguay, ma passiamo noi”.

TUTTE LE FOTO QUI:

Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου