Τρίτη, 7 Νοεμβρίου 2017

Il Treno della Magna Grecia passerà anche per Taranto

  Σχετική εικόνα

Il Treno della Magna Grecia è un progetto di sinergia tra i musei di Taranto,  Napoli, Reggio Calabria e Paestum e potrebbe diventare presto realtà.

2 novembre 2016 

Il Treno della Magna Grecia è un’opportunità recentemente rilanciata anche dalla direttrice del Museo Archeologico di Taranto Mar.Ta., Eva Degli Innocenti. E’ un viaggio nel tempo tra storia, cultura, territori e paesaggi tra le antiche meraviglie e nuove scoperte. L’obiettivo è sviluppare la cultura ed il turismo in maniera sinergica in un’area estesa del Paese.

L’iniziativa a quanto pare non è nuova. Già nel 2010, un Treno della Magna Grecia partiva da Taranto per raggiungere Metaponto con a bordo circa 300 bambini. A quel tempo c’era l’assessore regionale alla mobilità Guglielmo Minervini.  L’iniziativa, nata in collaborazione tra l’Assessorato alla Mobilità e la Direzione del Trasporto Regionale Puglia di Trenitalia, era promossa dall’Associazione Treni Storici Puglia. Il viaggio univa Puglia e Basilicata, Taranto e Metaponto. E proprio qui proseguiva con la visita al Museo Nazionale della Magna Grecia e al sito archeologico Tavole Palatine. Si potevano ammirare anche i resti del tempio dorico del VI secolo a.C. dedicato alla dea Hera.

Del Treno della Magna Grecia si torna finalmente a parlare in questi giorni, grazie alla passione e alla determinazione dei direttori Eva Degl’Innocenti (Taranto), Paolo Giulierini (Napoli), Carmelo Malacrino (Reggio Calabria) e Gabriel Zuchtriegel (Paestum): quattro musei che custodiscono la tradizione della Grecia antica si mettono in rete per proporre un nuovo itinerario ai visitatori italiani e stranieri. I quattro direttori hanno deciso di unire gli sforzi per dar vita ad un tragitto sulla tratta dell’intercity Napoli-Reggio Calabria, con l’aggiunta della fermata a Paestum e l’arrivo a Taranto, passando per le altre tappe come Metaponto, il tutto con un biglietto promozionale.

Si tratta di mete significative che d’estate ospitano anche diverse centinaia di migliaia di bagnanti attratti dal mare caraibico di questi luoghi. L’area archeologica di Paestum si caratterizza fortemente per i suoi templi ed il Museo che ospita la lastra della Tomba del Tuffatore; Taranto è nota per la sua straordinaria collezione di Ori famosi in tutto il mondo, il Castello Aragonese e la simpatica attrazione legata ai delfini che qui si riproducono. Caulonia raccoglie i resti dell’antica colonia di Kaulon in prossimità della spiaggia. Il viaggio del Treno della Magna Grecia dovrebbe durare circa sette ore.


Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου