Σάββατο, 21 Απριλίου 2018

Demetrio Stratos: suonare la voce

Un ricordo di Demetrio Stratos, morto a 34 anni.

  
Tre giorni prima della Liberazione italiana, il 22 aprile 1945 nasceva ad Alessandria d’Egitto (da famiglia greca) Efstràtios Dimitrìu.

Luca Cumbo, 21 aprile 2018

Superbo e indimenticato musicista, polistrumentista, sperimentatore musicale e vocale, è conosciuto in Italia con il nome di Demetrio Stratos: morì prematuramente il 13 giugno 1979 per un male incurabile.

Memorabile fu il concerto che i colleghi musicisti del tempo vollero organizzare il 14 giugno 1979 per supportare economicamente Stratos nel tentativo, purtroppo tardivo, di curarsi negli Stati Uniti.

Il suo nome è indissolubilmente legato a quello del gruppo AREA, fra i più innovativi e militanti gruppi musicali di quella marea composita degli anni ’70 detta pop italiano (quando “pop” non era ancora sinonimo di “trash”) o meglio ancora Progressive italiano.

Gli AREA, grazie anche a Demetrio Stratos, sono stati fra gli artisti italiani del tempo (insieme a Premiata Forneria Marconi, Banco del Mutuo Soccorso, Le Orme e pochi altri) ad avere un importante seguito anche negli USA e nei Paesi anglosassoni.

La storia artistica di Stratos comincia già sul finire dei ’60 prima con il gruppo beat I Ribelli per continuare, dopo gli Area, con una purtroppo breve carriera solista e innumerevoli preziose collaborazioni (tra le quali anche John Cage).

Nell’anniversario della sua nascita, La Bottega del Barbieri desidera ricordarlo e omaggiarlo con alcuni link che ne ripercorrono la carriera artistico-musicale, senza la pretesa di aggiungere alcunché a quanto più autorevoli firme hanno già detto.

I Ribelli: Pugni Chiusi

Area: Arbeit Macht Frei

Area: Luglio, Agosto, Settembre (Nero) / La mela di Odessa

Area: Cometa Rossa (live)

Carnascialia (con Mauro Pagani, i componenti de Il Canzoniere del Lazio, Roberto Della Grotta, Maurizio Giammarco, Danilo Rea): Kaitan

Concerto per Demetrio Stratos, 14 giugno 1979

Documentario “Suonare la voce” con Demetrio Stratos

Questo articolo è stato pubblicato qui:


Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου