Τρίτη, 29 Μαΐου 2018

Luglio, agosto, settembre (nero) Area e Demetrios Stratos

Σχετική εικόνα

Spiegava Stratos nel 1974: "Il contenuto politico secondo me c'è anche senza che io dica: ‘Noi facciamo un pezzo per i compagni palestinesi...’. In radio non ci hanno mai trasmessi, chiaramente tutti avevano dei blocchi morali, si scandalizzavano perché abbiamo fatto un pezzo che si chiamava ‘Settembre Nero."

Parole di Frankenstein
Musica di Patrizio Fariselli (ispirata a una canzone popolare greca della Macedonia)
Sotto lo pseudonimo di Frankestein si cela Gianni Sassi, produttore degli AreA
Dall'album Arbeit macht frei (1973)

Giocare col mondo facendolo a pezzi
bambini che il sole ha ridotto già vecchi

Non è colpa mia se la tua realtà
mi costringe a fare guerra all'omertà
Forse un dì sapremo quello che vuol dire
affogare nel sangue con l'umanità

Gente scolorata quasi tutta uguale
la mia rabbia legge sopra i quotidiani
Legge nella storia tutto il mio dolore
canta la mia gente che non vuol morire

Quando guardi il mondo senza aver problemi
cerca nelle cose l'essenzialità
Non è colpa mia se la tua realtà
mi costringe a fare guerra all'umanità

Una piccola nota sulla musica: lo sanno solo in pochi, ma è stata quasi totalmente tratta da una canzone popolare greca della Macedonia, "Yerakina"... una bella ragazza che non stanca di chiedere al pozzo d'acqua del suo villaggio "Chi è la più bella?". Gli abitanti del villaggio a un certo punto, seccati, la spingono giù... perlomeno questa fu la spiegazione di Daniele Sepe quando lo sentii ri-eseguire lo stesso brano dal vivo. La trovate incisa in "Viaggi fuori dai paraggi"

La canzone “Yerakina” deve il suo titolo a una ragazza, Yerakina, (la “Falchetta”- n.d.t.) della quale anche racconta la storia. Yerakina fu una persona reale e visse intorno al 1860 a Nigrita di Serres.

Quanto è descritto è autentico e la canzone è dedicata alla sua memoria come anche le manifestazioni che ogni anno si svolgono a Nigrita (le “Yerakìnie”), Soprattutto esiste anche il pozzo di Yerakina nel quartiere dove visse la ragazza e ogni anno in margine alle manifestazioni delle Yerakinie avviene la rievocazione della caduta (nel pozzo). Parliamo dunque di una canzone tradizionale della Macedonia, proveniente da Nigrita di Serres (e ciò è documentabile).

E, a mo' di completezza di questa pagina, riprotiamo anche il testo originale della canzone popolare greca, non in trascrizione come nella pagina linkata:

Η ΓEPAKINA

Kίνηση η Γερακίνα
για νερό κρύο να φέρει

Nτρουν ντρουν ντρουν ντρουν ντρουν
τα βραχιόλια της βροντούν

Kι έπεσε μέσ’στο πηγάδι
κι έβγαλε φωνή μεγάλη

K’έτρεξε ο κόσμος όλος
κ’έτρεξα κι εγώ o καημένος

Γερακίνα θα σε βγάλω
καί γυναίκα θα σε πάρω.

Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου